A Bologna, sconfitta umiliante per la O.ME.P.S. BricUp Battipaglia

Alla Segafredo Arena, nell’incontro valevole per la nona giornata del campionato di Serie A1 Femminile “Techfind”, una O.ME.P.S. BricUp Battipaglia certamente assai rimaneggiata (oltre a Bocchetti e Melgoza, anche Mazza è fuori per infortunio) offre una prestazione pessima (e, a tratti, sconcertante) subendo da una splendida Virtus Segafredo Bologna (anch’essa, tra l’altro, priva di giocatrici importanti – Bishop e D’Alie) una delle sconfitte peggiori di sempre in A1. Risultato finale: 102-69.   

La cronaca.

Il primo quarto è difficile da commentare. Difficile dire, infatti, se il 29-12 della prima frazione è maggiormente merito di una Virtus che conferma l’eccellente stato di forma fisico, tecnico e mentale o, piuttosto, di una Battipaglia che, assenze a parte, scende in campo molle, intimorita e distratta. Come spesso accade, probabilmente, la verità sta nel mezzo. Ciò detto, sono Battisodo e la ex Williams a fare le cose migliori in un primo periodo che si chiude con le padrone di casa che vantano già 17 punti di vantaggio.

I primi minuti del secondo quarto sembrano preannunciare un’altra frazione complicata per Battipaglia: al 14′, il vantaggio di Bologna ha toccato le 21 lunghezze (35-14). A quel punto, però, arriva la reazione delle ospiti che, in primis grazie a capitan Potolicchio, ma anche a McCray ed Hersler, rimontano una parte consistente del proprio svantaggio arrivando anche a -7 prima del -8 che chiude il primo tempo sul 45-37.

I 15 minuti di pausa capovolgono l’inerzia del match. La Virtus rientra in campo affamata, arrabbiata e concentratissima: il parziale dei primi 5 minuti della frazione parla chiaro (20-7) e fa volare le padrone di casa di una super Williams sul +21 (65-44). Battipaglia, tramortita, non riesce a reagire e viene messa all’angolo da una Bologna che gioca splendidamente e dilaga. Oltre alla già citata Williams, anche Begic e Tassinari sono incontenibili. Dall’altra parte, la O.ME.P.S. BricUp Battipaglia non c’è più, specie in difesa (37 i punti subìti dalle biancoarancio nel terzo periodo). Al 30′, le padrone di casa sono sul +35 (82-47).

Nell’ultimo quarto, coach Serventi fa riposare Williams, Battisodo e Begic dando spazio a chi ha giocato meno. Non per questo la qualità del gioco di Bologna ne risente. Anzi. Le nuove entrate si fanno apprezzare per voglia ed intraprendenza. Anche grazie a loro, il vantaggio della Virtus assume proporzioni esaltanti per le VuNere e umilianti per le ospiti che, oltre a scivolare fino al -43, subiscono anche l’onta di subire più di 100 punti. Lo 0-10 di parziale che Battipaglia firma negli ultimi 2 minuti non può rendere meno amara una delle sconfitte peggiori della propria storia in massima serie. Il finale, alla Segafredo Arena, è di 102-69.

 

TABELLINO DEL MATCH

Virtus Segafredo Bologna – O.ME.P.S. BricUp Battipaglia 102-69 (29-12; 45-37; 82-47; 102-69).

Virtus Segafredo Bologna

D’Alie N.E., Begic 19, Tassinari 16, Bishop N.E., Tava 11, Zuffa, Tartarini, Barberis 14, Battisodo 8, Cordisco 12, Williams 20, Rosier 2. Coach: Serventi.

O.ME.P.S. BricUp Battipaglia

Logoh, Moroni 12, McCray 19, Potolicchio 13, Hersler 18, Opacic, Dione, De Feo, Mattera 4, De Rosa 3. Coach: Paciucci. 

 

 

Ufficio Stampa Polisportiva Battipagliese

 

 

Comments are closed.