A1 Femminile. Allo Zauli, una O.ME.P.S. Givova Battipaglia da urlo supera Bologna

Al PalaZauli, nell’incontro valevole per la tredicesima (ed ultima) giornata di andata del campionato di Serie A1 Femminile, una splendida O.ME.P.S. Givova Battipaglia – grazie ad una prestazione di grande intensità e ad un cuore enorme – supera la Virtus Segafredo Bologna cogliendo la seconda vittoria consecutiva e abbandonando l’ultimo posto in classifica. Risultato finale: 65-58. 

La cronaca.

Inizio sottotono per Battipaglia che, sia in attacco che in difesa, fa fatica a prendere le misure di una Bologna che, grazie, in special modo, a D’Alie (che imperversa nei primi minuti di gioco) vola subito sul +6 (4-10 al 4′). I minuti passano e le padrone di casa ancora non si scuotono: le ospiti, ad inizio match, sono più concrete e più concentrate e, al 7′, hanno portati a 8 i loro punti di vantaggio (6-14). Ma il primo quarto della O.ME.P.S. Givova, negativo per 7 minuti, viene riscattato dall’ottima reazione fornita nella fase conclusiva della frazione: il 6-0 di parziale, infatti, permette alle ragazze di coach Sandro Orlando di rientrare in scia. Al 10′, Bologna è avanti di 2 (12-14).  

L’abbrivio positivo che sospinge Battipaglia non si esaurisce ad inizio secondo quarto, tanto da permettere alle bianco-arancio prima di agganciare e poi di superare la Virtus (16-14 al 12′). Anche ad inizio secondo periodo si segna pochissimo, ma equilibrio e intensità non mancano: al 15′, Bologna è tornata avanti, ma di 1 sola lunghezza (20-21). A metà secondo quarto, decisa accelerazione della O.ME.P.S. Givova che, al 17′, è avanti di 6 (27-21). Purtroppo, però, le bianco-arancio incappano in qualche amnesia difensiva che permette alle ospiti di recuperare quasi tutto lo svantaggio. All’intervallo lungo, Battipaglia ha 1 punto di vantaggio (29-28).

Ad inizio secondo tempo non muta lo spartito: molta tensione, molti errori, pochi canestri. Le due squadre si giocano tanto e la lucidità ne risente, da entrambe le parti. A metà frazione, Battipaglia è ancora avanti di 1 (34-33). Poi, a quel punto, un improvviso blackout della O.ME.P.S. Givova permette a Bologna di volare, al 28′, sul +7 (37-44). Per fortuna, come nel primo periodo, anche nel terzo Battipaglia offre un finale di spessore che le consente di riavvicinarsi sensibilmente alle ospiti che, al 30′, sono avanti di appena 2 lunghezze (43-45).

L’inizio dell’ultimo quarto, come prevedibile (visto il punteggio), è caratterizzato da una notevole intensità (e da tanta tensione). In questa fase, è Battipaglia a farsi preferire e, grazie ad un’ottima Ciabattoni, al 33′ è sul +3 (50-47). Vantaggio che, però, dura poco: Bologna reagisce e, grazie ad Harrison, rimette la testa avanti. Al 35′, la Virtus è avanti di 1 (50-51). Negli ultimi 5 minuti succede di tutto, a cominciare dal fatto che ben 4 giocatrici escono per falli. Gli ultimi 5 minuti sono i migliori disputati finora da Battipaglia in questa stagione: Ciabattoni, incontenibile, segna a ripetizione; Nori, nei momenti che contano, mette canestri pesantissimi. Lo Zauli, infuocato, oramai ci crede ed esplode quando Mazza, al 37′, mette la tripla del +4 (57-53). E’ il canestro che decide la partita perché la O.ME.P.S. Givova, negli ultimi minuti, è praticamente perfetta (lucida, concentrata ed efficace) e vince, meritatamente, una partita splendida portando a casa due punti pesantissimi in chiave-salvezza. Il finale, allo Zauli, è di 65-58.

 

O.ME.P.S. GIVOVA BATTIPAGLIA

Cremona 13, Nori 10, Galbiati 5, Ciabattoni 24, Montiani N.E., Sasso, Scarpato N.E., Opacic N.E., Mazza 3, Mattera N.E., Jarosz 10. Coach: Orlando. 

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

Micovic 3, D’Alie 16, Begic 10, Tassinari 8, Salvadores 4, Tava 1, Cabrini 3, Martines N.E., Harrison 13, Rosier N.E., Cordisco N.E. Coach: Liberalotto.

 

Ufficio Stampa Polisportiva Battipagliese

 

 

 

Comments are closed.