A1 Femminile. Domani, a partire dalle 17, la O.ME.P.S. Givova Battipaglia riceve San Martino di Lupari

Reduce da due splendide vittorie (che ne hanno rilanciate prepotentemente le possibilità di salvezza), la O.ME.P.S. Givova Battipaglia torna in campo per dare continuità alle brillanti prestazioni offerte nell’ultimo periodo e per tentare di ottenere il terzo successo consecutivo e di regalare così, a sé ed ai propri tifosi, una vera e propria impresa … perché tale sarebbe superare il forte Fila San Martino di Lupari che, domani pomeriggio, sarà ospite delle nostre ragazze al PalaZauli. Palla a due alle ore 17.

Ecco le parole tramite le quali la nostra Lalla Cremona, grande protagonista della riscossa della PB63, ci introduce all’interno dei temi salienti del match di domani, soffermandosi anche sul momento positivo che stanno vivendo lei e tutta la squadra: 

“A partire dal match disputato a Costa Masnaga è sicuramente cambiato qualcosa: abbiamo acquisita un po’ più di fiducia in noi e in quello che possiamo fare. Per settimane, il tornare ogni giorno in palestra dopo la sconfitta domenicale non è stato affatto facile: avevamo bisogno di quella iniezione di fiducia che, grazie alla vittoria ottenuta su Costa, è finalmente arrivata. Non è stato facile far fronte alla partenza inaspettata di KK (Michaela Houser, ndr), ma in qualche modo ci siamo riuscite e questo è l’importante.

Per quanto riguarda San Martino di Lupari, nostra prossima avversaria, posso dire che si tratta di una squadra molto aggressiva in fase difensiva, dalle ottime percentuali nel tiro da fuori e ricca di talento in fase offensiva. Inoltre, viene da due sconfitte consecutive, il che renderà il match di domani ancora più difficile.

Per quanto riguarda me, infine, sono felice dello spazio che mi sta dando Sandro (Orlando, ndr): ognuna di noi lavora sodo durante la settimana e cerca di fare del proprio meglio la domenica in modo tale da aiutare il più possibile la squadra”.

 

Ufficio Stampa Polisportiva Battipagliese

   

Comments are closed.