A1 Femminile. Sconfitta a testa alta per la O.ME.P.S. Givova Battipaglia in quel di Schio

Al PalaRomare, nell’incontro valevole per la sesta giornata del campionato di Serie A1 Femminile, una O.ME.P.S. Givova Battipaglia incerottata (assente Jarosz, non convocata a causa di un fastidio al ginocchio destro) offre una prestazione coraggiosa e più che dignitosa uscendo sconfitta, ma a testa alta, dall’improbo confronto con le pluri-Campionesse d’Italia del Famila Schio che si impongono con il punteggio di 63-47.

La cronaca.

È ottimo, per non dire eccellente, l’inizio di Battipaglia che, scesa in campo senza alcun timore reverenziale al cospetto delle pluri-Campionesse d’Italia di Schio, si ritrova, al minuto numero 3, sul +7 (2-9) grazie, in particolar modo, all’impatto più che positivo di Gomez sul match (due triple per l’ala spagnola nei primissimi minuti di gioco). Inevitabile, nonché prevedibile, l’immediata reazione di Schio che ha qualità ed esperienza sufficienti per non scomporsi e per reagire prontamente. Ma la O.ME.P.S. Givova c’è, resiste alla forza d’urto della reazione delle orange ed offre 10 minuti di spessore che le permettono di chiudere il primo parziale avanti di 1. Al 10’, Battipaglia conduce, con merito, per 16-17.

Ad inizio secondo quarto, Schio accelera e Battipaglia va in difficoltà. Le Campionesse d’Italia piazzano un parziale di 8-0 che, a metà frazione, le fa volare sul +7 (24-17). Ma le bianco-arancio confermano l’ottima impressione suggerita nel primo quarto e, riorganizzatesi, tornano a mostrare il coraggio e l’intraprendenza esibiti nella prima frazione e, punto su punto, risalgono la china fino al -2 raggiunto, al 18’, grazie a una tripla di Galbiati (28-26). Negli ultimi due minuti del primo tempo Schio riesce ad infliggere alle ospiti un parziale di 6-0 che cristallizza sul 34-26 il risultato finale di un primo tempo che, comunque, resta più che positivo per Battipaglia.

Nel terzo quarto si segna poco da entrambe le parti: Schio, allora, può gestire un vantaggio che, anzi, si fa leggermente più corposo … Battipaglia, però, conferma la serata sostanzialmente positiva e non far scappar via eccessivamente le padrone di casa facendo sì che il proprio svantaggio (e l’andamento del match) resti più che dignitoso per le ragazze di coach Sandro Orlando che, al 30’, sono sotto di 12 (46-34).

Con un vantaggio del genere, una squadra forte ed esperta come Schio ha, di fatto, la vittoria in tasca. Ma Battipaglia, stasera, ha ancora voglia di stupire e, con cuore enorme, nei primi 6 minuti dell’ultimo periodo dimezza lo svantaggio facendo sognare una clamorosa rimonta (50-44 al 36’). Il Famila, però, non si fa intimidire né spaventare e, in un attimo, si rimette a distanza di sicurezza portando a casa la vittoria. La O.ME.P.S. Givova, però, esce dal PalaRomare a testa alta avendo messo in campo tutto il possibile in un momento certamente non facile. Risultato finale: 63-47.

 

FAMILA WUBER SCHIO

Keys, De Shields 13, Cinili 2, Gruda 14, Chagas 3, Fassina 6, Crippa 7, Andrè 6, Dotto 4, Battisodo, Harmon 8. Coach: Vincent.  

O.ME.P.S. GIVOVA BATTIPAGLIA

Cremona, Nori 2, Galbiati 3, Tagliamento 15, Sasso, Scarpato N.E., Gomez 6, Mazza 1, Mattera, Houser 20. Coach: Orlando.

 

Ufficio Stampa Polisportiva Battipagliese

Comments are closed.