Dodici domande per…Adriana Cutrupi

Ultimissimi appuntamenti con la rubrica “dodici domande per…”. Questa settimana conosciamo meglio Adriana Cutrupi.

Quando è nata la passione per il basket?: “Fin da piccola mamma mi portava a vedere le partite di papà. non riuscivo a stare mai ferma.. Mi doveva tenere immobile altrimenti ero capace di entrare sempre in campo”.

Tre parole per descriverti?: “Altruista, permalosa, solare”.

Il tuo piatto preferito?: “Cotolette di melanzane”.

Adriana Cutrupi

Adriana Cutrupi

Ed il film preferito?: “Pearl harbor”.

Dove sogni di andare in viaggio?: “In America e già da qualche anno ho cominciato a girarla”.

L’avversaria più difficile affrontata?: Elisa Ercoli alla Finali Nazionali del 2014”.

Un modello di giocatrice?: “Chineye Ogwumike e Ashley Walker”.

La migliore amica nel mondo della pallacanestro?: “In primis dico papà, a lui devo tutto. Ma anche Isabel Hernandez, Fabiana Amodeo e Katia Romeo”.

In cosa devi migliorare maggiormente sotto l’aspetto tecnico?: “Assolutamente il palleggio ed il tiro”.

Hai un rito scaramantico prima di ogni partita?: “No”.

Il ricordo più bello da cestista?: “Sicuramente la Finali Nazionali di Battipaglia”.

Ed un sogno per il futuro?: “Riavere la possibilità di giocare una finale scudetto”.

Comments are closed.