Dodici domande per…Kourtney Treffers

Terza settimana dedicata alla nuova rubrica “Dodici domande per”. Questa volta tocca all’olandese Kourtney Treffers raccontarsi…

Cosa rappresenta giocare finalmente in A1?: E’ troppo bello giocarci, tutto è diverso rispetto all’A2. Maggior talento, velocità, intensità ed anche a livello mentale non c’è paragone. Lavorando duramente possiamo, però, possiamo raggiungere i nostri obiettivi”.

Kourtney Treffers in azione in questa stagione

Kourtney Treffers in azione in questa stagione

Quando è nata la passione per il basket?: “Mi sono innamorata di questo sport a cinque anni quando ho iniziato i primi allenamenti nella mia città natale, Julianadorp. Da quel momento non ho potuto farne a meno”.

Tre parole per descriverti?: “Altruista, paziente e disorganizzata”.

Il tuo piatto preferito?: “Molto semplice, pasta alla carbonara. Ma ultimamente a dir la verità sto cercando inutilmente il tortino alla cioccolata, se qualcuno sa dove posso trovarlo mi contatti (dice sorridendo, ndr)”.

Ed il film preferito?: “Love&Basketbal”.

Dove sogni di andare in viaggio?: “Non mi piace viaggiare molto, quindi non ho un viaggio ideale. Però devo ammettere che andare in America e trascorrere lì le mie estati non sarebbe male”.

L’avversaria più difficile affrontata?: “Dovendo scegliere dico Emma Meesseman, ho giocato contro di lei con l’under 18 olandese e devo dire che è una giocatrice fantastica. A lei, però, aggiungo Ashja Jones, allenarmi in sua compagnia ai tempi del Rivas Ecopolis in Spagna è stata una grande esperienza”.

Un modello di giocatrice?: “Non è una donna ma un uomo, mio fratello. E’ un ragazzo eccezionale, ogniqualvolta sono giù di morale mi aiuta a non mollare mai ed a rialzarmi sempre. Che sia a Battipaglia o in Olanda”.

La migliore amica nel mondo della pallacanestro?: “Laura Cornelius, ho trascorso con lei tutto l’Europeo. Purtroppo si è rotto il gionocchio, ma ritornerà più forte di prima. Europa attenzione!”.

Kourtney Treffers impegnata nel taglio della retina nella scorsa staione

Kourtney Treffers impegnata nel taglio della retina nella scorsa staione

Hai un rito scaramantico prima di ogni partita?: “Mi piacere ascoltare la musica e guardare gli schemi di quella singola gara”.

Il ricordo più bello da cestista?: “La vittoria contro la Turchia dopo due supplementari ai Campionati Europei under 18 che ci ha permesso di conquistare un posto ai Mondiali in Lituania”.

Ed un sogno per il futuro?: “Quello di dare sempre il massimo e di giocare ogni volta al top. Del resto la WNBA è sempre stato un mio sogno e lo è ancora”.

Comments are closed.