Mimmo, l’idolo dei bambini “Con il basket crescono”

L’istruttore del settore Pb63mini tra enogastronomia e viaggi. Ma la pallacanestro resta il suo primo amore. “Insegnare questo sport ai più piccoli, per me, è più che un lavoro, è un esigenza”

Il responsabile del minibasket Mimmo Alfinito

Il responsabile del minibasket Mimmo Alfinito

Domenico, per tutti Mimmo, Alfinito è una delle colonne della Polisportiva Battipagliese. Nato a Cava De’ Tirreni 38 anni fa, è diventato, ben presto, il punto di riferimento per tutti i bambini che praticano la pallacanestro a Battipaglia. Assistendo ad uno dei suoi tanti corsi di minibasket, si viene subito travolti da un’energia e da una simpatia innata che trova – nel rapporto con i più piccoli – la sua massima espressione, come dimostrano i sorrisi sempre stampati sul volto dei bambini che frequentano le sue lezioni.

Mimmo qui a Battipaglia sei praticamente un idolo. Ti adorano sia i bambini che i loro genitori. Dove nasce questa passione per il basket?

Nasce a Pontecagnano, la città dove sono cresciuto. Lì ho iniziato a muovere i primi passi sul parquet e a giocare a pallacanestro. Poi negli anni ’90 mi sono trasferito a Battipaglia ed ho iniziato ad allenare. Da allora non ho più smesso. Insegnare questo sport ai bambini, per me, è più che un lavoro, è un esigenza”.

Sei responsabile del settore minibasket da anni, qual è l’aspetto migliore del tuo lavoro?

Allenare i bambini è un’esperienza che si rinnova ogni volta. Io credo che l’ora di minibasket debba essere per i più piccoli un momento di sfogo, di divertimento e trasmissione di valori importanti. Non c’è soddisfazione più bella nel vedere un bambino che al termine del corso racconta alla mamma di quanto si sia divertito insieme a noi.

Hai altre passioni oltre alla pallacanestro?

Adoro il vino, il mondo dell’enogastronomia mi affascina tantissimo. Sto seguendo un corso e a breve avrò la qualifica di sommelier.

E cosa consigli di abbinare vicino ad un buon bicchiere di rosso?

Ovviamente una bella bistecca alla brace. Non mi vergogno di dire che il sottoscritto ne ha spesso fatto indigestione.

Sappiamo che adori viaggiare…

Si, è un’altra delle mie passioni. Ho girato il mondo e quando posso cerco sempre di fare un salto alle Maldive per staccare dallo stress della vita quotidiana.

Addirittura le Maldive?

Si, sono il mio angolo di paradiso. Ma vi assicuro che anche lì penso al minibasket e a nuovi modi per far divertire i miei bambini giocando a pallacanestro.

3 Comments