Ko indolore per l’A2. Si deciderà tutto ai playout

Sconfitta indolore per la Galletto Carpedil Salerno contro la Magika Alfagomma Castel San Pietro: le felsinee, terze in classifica, espugnano 40-75 il Pala Silvestri, lasciando le campane al terzultimo posto con 10 punti. Che, con una gara di regular season ancora da disputare, vuol dire certezza aritmetica dei playout, evitando quindi la retrocessione diretta a causa delle concomitanti sconfitte delle inseguitrici Brindisi e Ancona (entrambe a quota 8). Salerno è in vantaggio negli scontri diretti con le pugliesi, retrocede solo l’ultima.

Chiara Pastena

Chiara Pastena

Senza le infortunate dell’ultim’ora Russo e Trimboli, sostituite dalle giovani Magro e Caputo, Braida (che deve rinunciare anche a Costa) parte con Dentamaro, De Mitri, Patera, Assentato e Diouf. Castel S. Pietro, gruppo ben allenato da Seletti e meritatamente tra i migliori del torneo, fa subito capire di non essere in vena di regali. Salerno segna per prima con Assentato ma perde troppe palle, dopo 3’ il risultato è di 2-6. Circolazione non perfetta nel primo quarto per Salerno, che fatica a trovare validi sbocchi offensivi. La regia della spagnola Suarez mette in crisi la difesa salernitana che resta a secco di realizzazioni fino al canestro di Dentamaro a 2’ dalla fine del quarto (4-17). De Mitri e Fabbricini provano a dare la scossa ma l’emiliana Pazzaglia risponde presente sotto le plance. Il primo quarto termina con una tripla di Santucci che porta le ospiti sul +15 (11-26). Salerno soffre il maggior tasso tecnico delle avversarie e l’inizio del secondo quarto segue l’inerzia del primo: una Magika di nome e di fatto nella circolazione di palla, Salerno troppo confusionaria,  attacco con poco mordente. Nella fase finale del secondo periodo San Pietro gestisce le forze e segna dopo 3’ di digiuno grazie al tiro dalla media di Suarez. Braida prova ad inserire il doppio play (Pastena-Dentamaro) per migliorare i possessi ma le palle perse aumentano e Castel S. Pietro ringrazia: all’intervallo lungo si va sul 19-40. Nel terzo quarto ospiti che segnano 10 punti in 4’, ai quali Salerno risponde con un canestro della sola Dentamaro (21-50).

Qualche sprazzo lo offre De Mitri con un’ottima penetrazione e una tripla. Il terzo quarto si chiude senza squilli con equilibrio nei minuti finali e punteggio di 29-56. Pressione a tutto campo per le ospiti nell’ultimo quarto (senza Suarez e Santucci), Salerno prende coraggio e accorcia un po’. De Mitri realizza dalla linea della carità (36-56) ma rientra Suarez che mette la tripla che sblocca le bolognesi. Negli ultimi due minuti spazio alle baby Magro e Caputo, finisce 40-75.

GALLETTO CARPEDIL SALERNO-MAGIKA ALFAGOMMA CASTEL S.PIETRO 40-75 (11-26; 19-40; 29-56)

SALERNO: Assentato 6, Magro, Caputo, Costabile 4, Dentamaro 9, Pastena, Diouf, Fabbricini 2, Patera 5, De Mitri 14. All: Gibboni-Braida.

CASTEL S.PIETRO: Gianolla 5, Michelini 2, Capucci, Melandri 7, Franceschelli 4, Brunetti 9, Pazzaglia 11, Santucci 17, Pieropan, Suarez Utrero 20. All: Seletti.

Arbitri: Di Marco (S.Giovanni Teatino) e Ferrara (Napoli)

Comments are closed.