Marzia Tagliamento vista dal Preparatore Fisico

La “catapulta infernale” è una giocatrice brindisina, arrivata a Battipaglia lo scorso anno, poco dopo aver vinto lo scudetto under 19 giocando, in prestito, col Geas Sesto San Giovanni.

Marzia Tagliamento

Marzia Tagliamento

Il suo ruolo è quello della cosiddetta “ala”, ma certo non è in grado di volare, in quanto la sua struttura non è propriamente filiforme. Tant’è che in alcune situazioni di gioco può giocare anche più vicino a canestro nel ruolo del cosiddetto “4”. Da vari anni fa parte in pianta stabile delle nazionali italiane giovanili, e nel 2015 ha partecipato ai Campionati Europei under 20, contribuendo a raggiungere un ottimo 5° posto (non apprezzato da tutti), pur essendo reduce da una complessa frattura al metatarso rimediata ad aprile. La sfortuna non la ha abbandonata, tant’è che anche quest’anno si è fratturata, scegliendo questa volta la mano destra.

I suoi dati antropometrici dicono che è alta 1,82 (misura reale) e da un paio di anni sta gradualmente riducendo la sua percentuale di grassi, tanto da averla ridotta negli ultimi mesi, ad un grado del tutto accettabile. Entrando nei dati tecnici più approfonditi, devo rivelare che, per quanto riguarda le qualità di forza, Marzia non può essere definita una giocatrice dotata di grande esplosività, mentre migliora il dato sicuramente se si va ad analizzare le sue qualità di reattività ed elasticità. Ha una importante “carrozzeria” e quindi ha necessità di essere sempre allenata, le fanno molto male infatti i periodi di pausa se prolungati.

Negli ultimi mesi ha migliorato sensibilmente la sua rapidità di piedi, raggiungendo i 179 millesimi di secondo nel test apposito dei 7 salti reattivi di cui vi ho parlato recentemente. Ha quindi “piedi da play/guardia” in un corpo da ala/ala grande. Ecco spiegato il motivo per cui può essere definita, dal punto di vista della forza, una “reattiva/elastica”, ma non una “esplosiva”. Dal punto di vista metabolico, invece, sempre a causa della sua “stazza”, fatica parecchio nei lavori metabolici, ma devo riconoscerle una grande capacità di resistenza allo sforzo, ed un impegno encomiabile. Insomma è una giocatrice che ragiona da “professionista”.

Marzia Tagliamento

Marzia Tagliamento

Dal punto di vista caratteriale, inoltre, è una ragazza assolutamente positiva. Recentemente ha indossato la maglia azzurra della nazionale assoluta, in occasione della amichevole contro gli Stati Uniti e, senza nessuna timidezza, ha difeso contro la sua diretta avversaria, Angel McCoughtry, riconosciuta una delle star mondiali del basket, con grande caparbietà e dedizione.

E’ una ragazza allegra e socievole, un po’ permalosa, che ha due grandi passioni:

  • Allenarsi con la musica
  • Rubare le mentine al sottoscritto.

Alla prossima, sarà la volta di…Valentina Bonasia.

di Mimmo Santarcangelo

Comments are closed.