PB63 Lady: Una vittoria che vale il primo posto

BATTIPAGLIA. Ed arrivò anche il momento del primo posto. Tutto in tre mosse: la PB63 Lady batte Ancona, Ariano ferma la capolista Vigarano mentre Broni fa lo stesso in casa della Saces. Ma le attenzioni principali erano rivolte allo Zauli, dove la sofferenza non è mancata.

La gara: primi tre minuti che sembrano di fatto gli ultimi di una gara ormai scritta, poca aggressività in difesa e tanto spazio dal perimetro per le tiratrici delle due squadre.Riccardi ne piazza due per le padroni di casa, Madonna e Moroni rispondono per le ospiti. La parità iniziale viene spezzata, seppur parzialmente, da alcune giocate di Sordi di Ancona, ma è sempre il tiro da tre il grande protagonista. Orazzo va a segno per le Lady, Madonna nuovamente per le biancorosse di coach Gaspari. Il primo quarto si chiude così 15-21.

l'esultanza delle Lady a fine gara

l’esultanza delle Lady a fine gara

Gap ridotto, però, al dodicesimo con la “bomba” di Francesca Russo (23-25), ma proprio perchè sembra davvero essere il festival delle triple non può non iscriversi a referto anche Sordi. Ma non finisce qui, perchè rispondono presente anche Mantaloni e Marchetti, con quest’ultima che ridà finalmente il vantaggio alla PB63 (35-34). Vantaggio che cresce grazie alla presenza nel pitturato di Minali e Treffers che creano più di un problema alla difesa marchegiana. Chi non ha problemi, invece, è Madonna che in attacco ha una percentuale perfetta al tiro da tre. Il suo canestro e quello di Formiconi, sempre dal perimetro, consentono ad Ancona di non sentire toppo l’assenza di Sordi costretta alla panchina causa quarto fallo personale.

Nella ripresa non si cambia registro, si gioca infatti sempre punto a punto ma questa volta in attacco si fa molta fatica a segnare. Prima dell’ultima frazione il punteggio recita 49-54 per Ancona. Dieci minuti conclusivi che si aprono con la tripla di Orazzo, che galvanizza per un attimo il pubblico dello Zauli, con la “bomba” di Sordi da distanza proibitiva e con la contro-risposta del capitan Riccardi che ridà il meno due alle locali a sei minuti dal termine (55-57).Ma questo è solo l’antipasto per lo spettacolo finale: Ferretti, prima di uscire per cinque falli, piazza la tripla del -1, Sordi viceversa riporta avanti Ancona con un gioco da tre punti.

Ma qui entra in scena Francesca Russo, sue le due triple che stendono le biancorosse, poi ci pensa Orazzo a fare 4/4 ai liberi e mettere la parola fine all’incontro: “E’ una gioia immensa, sono contenta per le due triple ma è merito della squadra – il pensiero di Francesca Russo – Grazie a loro sono riuscito ad entrare in ritmo nel finale, a questo punto un pensierino al primo posto lo rivolgiamo”.

 

PB63 LADY-VESTA ANCONA 69-66 (15-21, 45-43, 49-54)
PB63: Orazzo 16, Russo A.  ne, Marchetti 3, Ferretti 6, Riccardi 11, De Pasquale, Treffers 14, Russo F. 9, Ramò, Minali 10. Coach: Riga
Ancona: Redolf 4, Moroni 11, Sordi 19, Cadoni ne, Rebane 13, Formiconi 3, Mataloni 3, Madonna 11, Dell’Olio 2, Angeletti ne. Coach: Gaspari
Arbitri: Borrelli e Ascenzi.

Note: Spettatori: Circa 150. Uscite per falli: Ferretti, Rebane, Riccardi.

Comments are closed.