PB63 Mini: I benefici del basket

Il minibasket è un’attività sportiva per bambini la cui età va dai 6 agli undici anni. Ovviamente, le regole sono diverse da quelle ufficiali del basket e sono adattate all’età dei praticanti per i quali lo sport deve essere prima di tutto un gioco. La Federazione Italiana di Pallacanestro prevede diverse categorie; per quanto riguarda i bambini si hanno le seguenti:

Pulcini: bambini da 5 a 6 anni

Scoiattoli: bambini: da 7 a 8 anni

Aquilotti: bambini da 9 a 10 anni (a seconda dei casi sono ammessi anche bambini di 8 anni)

Esordienti M: bambini di 11 anni (a seconda dei casi sono ammessi anche bambini di 10 anni).

Per quanto riguarda le bambine abbiamo invece:

Paperine: bambine di 5, 6 e 7 anni

Libellule: bambine di 6, 7 e 8 anni

Gazzelle: bambine di 8, 9 e 10 anni

Esordienti F: bambine di 9, 10 e 11 anni.

i bimbi del Minibasket PB63

i bimbi del Minibasket PB63

Il canestro, per tutte le categorie sopra-riportate, è posto a un’altezza di 2,60 m dal campo; fanno eccezioni le categorie degli Esordienti per le quali è previsto che il canestro sia posto a un’altezza di 3,05 m, ovvero l’altezza prevista anche per le gare professionistiche. Le palle utilizzate nel minibasket sono più piccole di quelle previste dal regolamento della pallacanestro.

Basket: pregi e difetti

Al pari di altri sport, come per esempio la pallavolo, il basket è uno sport molto vivace, appassionante e avvincente; è infatti caratterizzato, negli incontri equilibrati, da repentini cambi di situazione e da colpi di scena; raramente le partite di pallacanestro sono noiose (cosa non scontata, per esempio, nel gioco del calcio). Essendo uno sport di squadra, è ottimo per favorire la socializzazione, l’integrazione nel gruppo, la solidarietà e lo spirito di squadra). Il regolamento non può essere definito complesso, ma nemmeno lo si può considerare banale.

Gli allenamenti di pallacanestro sono ottimi per allenare i riflessi e la destrezza; un allenamento costante in questa disciplina permetterà di migliorare molto diverse caratteristiche di tipo fisico, in primis, l’agilità, l’elevazione, la velocità, la coordinazione e anche la potenza; il basket favorisce anche la visione laterale e l’allungamento della colonna vertebrale. Come nel caso della pallavolo, vengono fatti lavorare sia gli arti inferiori che gli arti superiori. Non mancano i difetti; il rischio infortunio esiste (del resto è difficile trovare discipline sportive esenti da questo rovescio della medaglia); fra gli infortuni più ricorrenti del gioco del basket vi sono le distorsioni della caviglia, le talloniti, gli strappi muscolari e i problemi ai legamenti; essendo uno sport di contatto, non è esente dal rischio di traumi da scontro con l’avversario; da questo punto di vista, però, è sicuramente meno traumatico del gioco del calcio.

Comments are closed.