PB63Story: Paola Corvo “Il basket? Amore a prima vista”

Se nella maschile ci pensava Pino, nella femminile il palcoscenico era tutto di Paola. Questo ha detto la storia, una storia vissuta da Paola Corvo per alcuni anni anche con la PB63Lady. Giocatrice prima, dirigente poi.

Una lunga carriera ricca di successi, cosa ha significato la pallacanestro per Paola Corvo?

La pallacanestro è da sempre una passione di famiglia. A 11 anni una mia amica mi ha avvicinata a questo sport ed è stato amore a prima vista, un amore che continua tutt’ora e che ho trasmesso a tutta la mia famiglia”. corvo

Tra le tante avventure anche l’esperienza con la PB63Lady. Ricordi?

I ricordi sono tanti. Per lunghi anni ho militato nella PB63 e posso dire che grazie a me e ad un gruppo di ragazze di Battipaglia è cominciato l’interesse per la femminile, in una società dove la maschile era stata sempre al primo posto. Un ricordo in particolare al quale sono molto legata è, senz’altro, la finale per la promozione in A2, dove ho giocato contro la mia primogenita Dalila, nel derby contro l’allora Carpedil Battipaglia”.

A distanza di qualche anno riaffiora qualche rimpianto?

Il mio unico rimpianto è di non aver coltivato questa passione fino alle massime serie, dove ho avuto moltissime richieste ma alle quali ho rinunciato per amore della mia famiglia”.

Quanto è cambiato il basket femminile nel corso del tempo?

Quello che ho potuto notare è che il livello si è sensibilmente abbassato. Ricordo i campionati competitivi di serie B e serie C di un tempo che si possono paragonare tranquillamente ad una serie A2 di oggi”. ciplast squadra

Per una mamma/ex cestista cosa significa avere due figlie che giocano a basket?

Come ho detto prima la pallacanestro è una passione di famiglia. Le mie figlie sono cresciute in un campo da basket seguendo me e mio fratello Pino. Praticamente hanno respirato pallacanestro sin dai primi mesi di vita, quindi non potevano non amare questo sport come me. E con loro anche il piccolo della famiglia, Antonio, ha coltivato una passione innata per la pallacanestro”.

Comments are closed.